Queste sono le 7 meraviglie naturali che non esistono più

Uno sguardo alle 7 meraviglie naturali che un giorno hanno eretto la loro bellezza ma che non esistono più e mostrano l'effimero del nostro passaggio sulla Terra.

Il nostro passaggio in questo mondo è solo un batter d’occhio rispetto ai milioni di anni di storia cosmologica del pianeta. Anche le sculture scolpite dalla natura nei paesaggi, hanno anche una data di scadenza dovuta al passare incessante del tempo. Formazioni rocciose con strutture peculiari, fiumi e spiagge di singolare bellezza, alcune delle quali non esistono più. Negli ultimi 50 anni abbiamo perso decine di queste meraviglie naturali che, sia per il costante mutamento delle dinamiche del paesaggio sia per l’impatto antropico, non esistono più.

Vi mostriamo alcune delle meraviglie della formazione naturale che attualmente non esistono più, si sono fuse con il loro ambiente per rimanere solo nella memoria di chi ha avuto modo di osservarle. Sebbene anche quelli che sono in deterioramento sfilano prima di scomparire per sempre dalla faccia della Terra.

Meraviglie naturali che non esistono più

La Finestra Azzurra

Nell’isolata isola di Malta, il mare circonda e delinea la roccia calcarea che si erge sotto forma di scogliere. Ci sono volute migliaia di onde per schiantarsi nella baia di Dwejra per scolpire la Finestra Azzurra, una formazione rocciosa che sembrava un arco attraverso il quale le onde filtravano. Tuttavia, ci è voluta una tempesta tempestosa per far crollare l’arte naturale nel marzo 2017.

Barriera di ghiaccio Larsen C

La roccia non è l’unica che scolpisce le scogliere, lo fa anche il ghiaccio e le immagini sono ipnotizzanti. La piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide andava da Cape Longing a Cape Mackintosh, una sezione di 5.800 chilometri della penisola di Kemp. Anni fa la barriera è crollata in un fenomeno insolito che non sarebbe stato associato al riscaldamento globale.

Il fiume Slims

In un caso bizzarro che gli esperti hanno chiamato la prima quasi “pirateria fluviale”, il canale del fiume Slims in Canada è stato deviato e finito in un fiume diverso. Slims è praticamente svanito durante la notte a causa del ritiro del ghiacciaio Kaskawulsh, la cui acqua di disgelo è finita in un fiume diverso.

Isole Salomone

Di fronte al riscaldamento globale e allo scioglimento dei ghiacciai, il livello del mare si alza sempre di più, il che mette a rischio la sopravvivenza dei terreni bassi.

È il caso delle Isole Salomone nel Pacifico, che hanno dovuto resistere ai nuovi livelli dell’acqua. Tuttavia, cinque delle isole non resistettero all’ascesa e furono sommerse dalle acque dell’oceano.

I dodici apostoli

Il Parco Nazionale di Port Campbell ospita i Dodici Apostoli in Australia, un insolito gruppo di guglie calcaree che si protendono dal mare sulla costa. L’interazione delle forti onde del mare con le rocce, logora le formazioni che nel tempo scolpiscono le loro forme verticali. Ma anche la fortezza più grande soccombe al passare del tempo e ora rimangono solo 7 apostoli.

Il dito di Dio

Davanti allo sguardo del mare delle Isole Canarie si levò il Dito di Dio, una vibrante meraviglia naturale che somigliava a una mano con un dito puntato verso il cielo. Ma il primo ciclone che ha attraversato le isole in 150 anni, ha finito per far crollare una formazione del genere di cui ora rimangono solo le macerie.

Mar Morto

Estremamente salato e con condizioni peculiari non riscontrabili in nessun’altra formazione acquosa, il Mar Morto è in realtà un lago in pericolo di scomparsa. I suoi livelli d’acqua stanno cadendo pericolosamente al ritmo di 90 centimetri all’anno. Secondo le autorità locali, è dovuto a due fattori principali: la deviazione delle fonti d’acqua e l’estrazione di minerali.

Potrebbero interessarti anche...