Passaporti per viaggiare in tutto il mondo senza visto

Per il quinto anno consecutivo, il Giappone guida l’Henley Passport Index, un’originale classifica basata su dati esclusivi e ufficiali dell’International...

indice passaporti viaggiare senza visto

Per il quinto anno consecutivo, il Giappone guida l’Henley Passport Index, un’originale classifica basata su dati esclusivi e ufficiali dell’International Air Transport Association (IATA) e che classifica tutti i passaporti del mondo in base al numero di destinazioni a cui possono accedere. titolari senza visto preventivo. Dopo i cittadini giapponesi che possono visitare 193 destinazioni su 227 nel mondo senza visto, i sudcoreani ei singaporiani, a pari merito, hanno accesso a 192; e Spagna e Germania si dividono ancora una volta la terza posizione nel mondo e la prima in Europa, con 190 destinazioni.

L’Henley Passport Index confronta l’accesso senza visto per 199 diversi passaporti a 227 destinazioni di viaggio, tratte dal database IATA, le informazioni di viaggio più ampie e accurate, e ottimizzate dal team di ricerca di Henley & Henley.

Se non è richiesto il visto, per quel passaporto viene creato un punteggio con valore = 1. Lo stesso vale se sei in grado di ottenere un visto all’arrivo, un permesso per visitatori o un’autorizzazione di viaggio elettronica (ETA) all’ingresso nella destinazione.

Quando è richiesto un visto o quando il titolare del passaporto deve ottenere un visto elettronico approvato dal governo (e-Visa) prima della partenza, viene assegnato un punteggio con valore = 0. Questo vale anche se è necessaria l’approvazione del governo prima della partenza per un visto all’arrivo.

Il punteggio totale per ogni passaporto è pari al numero di destinazioni per le quali non è richiesto il visto (valore = 1).

La classificazione

Dopo le prime tre posizioni della classifica mondiale, i passaporti di Finlandia, Italia e Lussemburgo si dividono il quarto posto con libero accesso a 189 destinazioni e quelli di Austria, Danimarca, Olanda e Svezia coincidono al quinto posto con 188 destinazioni. In sesta posizione sono a pari merito i passaporti di Francia, Irlanda, Portogallo e Regno Unito, con libero accesso a 187 destinazioni e in settima, a 186 destinazioni senza necessità di visto, coincidono i passaporti di sei Paesi: Belgio, Repubblica Ceca, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera e Stati Uniti.

In ottava posizione, legano i passaporti di Australia, Canada, Grecia e Malta con accesso senza visto a 185 destinazioni. Al nono posto i passaporti di Ungheria e Polonia con libero accesso a 184 destinazioni.

E chiudono la top 10 al mondo, Lituania e Slovacchia con accesso senza visto a 183 destinazioni. Il resto delle posizioni è consultabile nel pdf allegato all’inizio dell’informativa.

Dei 30 paesi che sono stati individuati dalle destinazioni senza visto nelle prime 10 posizioni della classifica globale, ad eccezione dei primi due occupati dai paesi del sud-est asiatico, il resto saranno paesi europei, tranne nelle posizioni inferiori

della Top 10, Stati Uniti, Canada e Nuova Zelanda.

Lacune di mobilità

Gli analisti di Henley sottolineano che, nonostante la ripresa globale dei viaggi a circa il 75% dei livelli pre-pandemia, questa è davvero una media che non corrisponde alla realtà, se si guarda più a fondo nell’indice.

Ad esempio, l’Afghanistan rimane saldamente in fondo all’indice, con un punteggio di appena 27: 166 destinazioni senza visto in meno rispetto al Giappone, rappresentando il più ampio divario di mobilità globale nei 18 anni di storia dell’indice.

Henley & Partners osserva:

“Nel legame tra forza del passaporto e accesso all’economia globale, i cittadini dei paesi con il punteggio più basso nell’indice, come l’Afghanistan, l’Iraq con 29 destinazioni senza visto da soli e la Siria con 30, sono effettivamente esclusi da una varietà sorprendentemente ampia di opportunità di mobilità e crescita economica”.

Passaporto e potere economico

Ma da un altro punto di vista, Henley & Partners sottolinea che, per i cittadini globali e gli imprenditori internazionali, ‘una misura migliore della mobilità economica e dell’opportunità offerta dai loro passaporti è un’indicazione di quanto del PIL mondiale è loro accessibile senza visto.

“La nostra ultima ricerca su quanto accesso economico globale fornisce ogni passaporto è uno strumento utile per gli investitori, oltre a fornire una nuova prospettiva sulla crescente disuguaglianza economica e sulla disparità di ricchezza che è arrivata a definire il nostro mondo”.

Combinando i dati dell’Henley Passport Index e dei dati sul PIL della Banca mondiale, la nuova ricerca classifica i 199 passaporti del mondo in termini di punteggio Henley Passport Power (HPP), un termine che indica la percentuale del PIL globale che ogni passaporto fornisce ai suoi titolari senza visto.

“Il passaporto giapponese, ad esempio, che dà accesso senza visto a 193 destinazioni (l’85% del mondo), paesi che insieme rappresentano un enorme 98% dell’economia mondiale. Per contrastare questa cifra con un passaporto all’estremità inferiore dello spettro, i titolari di passaporto nigeriano possono accedere solo a 46 destinazioni”.



Potrebbero interessarti anche...