Ristorante in Thailandia offre hamburger con grilli non croccanti

Il ristorante thailandese Bounce Burger offre ai suoi clienti un nuovo piatto composto da un hamburger con carne di grillo non croccante. Secondo quanto riferito...

ristorante thailandia hamburger grilli non croccanti

Il ristorante thailandese Bounce Burger offre ai suoi clienti un nuovo piatto composto da un hamburger con carne di grillo non croccante.

Secondo quanto riferito da Bangkok Post, questo locale in Thailandia specializzato in grilli offre hamburger, hot dog, palline di grilli e persino barrette energetiche e biscotti. Secondo il comproprietario dell’azienda, Poopipat Thiapairat, i grilli possono essere un ingrediente di “hamburger, prodotti da forno o condimenti alla paprika, usati per insaporire le patatine fritte”.

Questi insetti hanno bisogno di un cambio di immagine, perché “non sono molto attraenti per il consumatore turista“, spiega l’imprenditore. A differenza della gente del posto, che non ha problemi a mangiare gli insetti, è meno probabile che gli stranieri li provino.

“Se apriamo un ristorante e serviamo cibi a base di grilli che non sembrano grilli, i consumatori potrebbero essere più disposti a provarli”, ha aggiunto. Secondo il manager, i grilli devono essere trasformati in qualcosa di più ‘appetibile’ alla vista. Inoltre, durante la preparazione, i dipendenti del ristorante rimuovono le parti ‘dure’ dell’insetto, come le ali e le zampe, perché tendono a rimanere bloccate in gola, ha spiegato Poopipat Thiapairat.

Gli insetti commestibili, ricchi di proteine ​​e vitamine benefiche, rappresentano un’alternativa alla carne tradizionale. I grilli, ad esempio, sono tra gli insetti più consumati dall’umanità nel mondo.

Secondo le stime, questo mercato potrebbe diventare un’industria globale da milioni di dollari nei prossimi anni, a causa del cambiamento climatico. Inoltre, l’impatto ambientale dell’allevamento di grilli è inferiore a quello dell’allevamento. Secondo uno studio del 2017, la produzione di pollo thailandese è stata responsabile dell’89% in più di emissioni di carbonio rispetto alle industrie degli insetti.



Potrebbero interessarti anche...