Coronavirus nella montagna più alta del mondo: primo contagio Covid al campo base del Monte Everest

NEPAL- Il norvegese Erlend Ness è diventato il primo alpinista a risultare positivo al test COVID-19 al campo base del Monte Everest ed è stato trasportato in...

Coronavirus nella montagna più alta del mondo: primo contagio Covid al campo base del Monte Everest

NEPAL- Il norvegese Erlend Ness è diventato il primo alpinista a risultare positivo al test COVID-19 al campo base del Monte Everest ed è stato trasportato in aereo a Kathmandu, dove è stato ricoverato in ospedale.

Ness è risultato positivo il 15 aprile, ma il test di questo giovedì è stato negativo. Tuttavia, Lukas Furtenbach, una guida alpina, ha avvertito che il virus potrebbe diffondersi tra le centinaia di alpinisti, guide e aiutanti che ora sono accampati alla base dell’Everest, dal momento che il norvegese ha convissuto con diversi per settimane.

Qualsiasi focolaio potrebbe porre fine prematuramente alla stagione dell’arrampicata.

“Ora avremmo bisogno di test più urgenti e massicci nel campo base, con tutti valutati e tutte le squadre isolate, […] dobbiamo farlo ora, altrimenti sarà troppo tardi”, ha detto.

Mira Acharya, direttrice del Dipartimento del Turismo del Ministero della Cultura, del Turismo e dell’Aviazione Civile del Nepal, ha sottolineato di non avere informazioni sui casi di coronavirus tra i membri del campo, mentre al momento ci sono solo segnalazioni di polmonite e mal di montagna.

L’Everest, una delle destinazioni di alpinismo più popolari al mondo, è stata chiusa all’inizio del 2020 a causa della pandemia. Quest’anno gli alpinisti sono tornati per la prima volta da maggio 2019. La popolare stagione di arrampicata primaverile in Nepal, che ha otto delle vette più alte del mondo, inizia a marzo e termina a maggio.



Potrebbero interessarti anche...