Americano detenuto a Dubai chiede l’assistenza del Senatore USA del Nevada

Il Ramadan è iniziato martedì a Dubai, un periodo in cui i prigionieri vengono spesso perdonati e rilasciati. Ma per la maggior parte degli stranieri intrecciati...

Americano detenuto a Dubai chiede l'assistenza del Senatore USA del Nevada

Il Ramadan è iniziato martedì a Dubai, un periodo in cui i prigionieri vengono spesso perdonati e rilasciati. Ma per la maggior parte degli stranieri intrecciati con il processo giudiziario degli Emirati, questo si aggiunge semplicemente ai ritardi intrinseci. Peter è stato detenuto negli Emirati Arabi Uniti per quasi due mesi dopo che un test di routine in ospedale ha trovato tracce di hashish nel suo corpo. Gli oligoelementi possono essere presenti nel corpo fino a circa due mesi dopo il consumo.

“Peter è stato chiamato più volte dalla polizia e gli è stato chiesto di partecipare di persona, ma a quanto pare, era solo per organizzare un test covid per lui. È stata una corsa sulle montagne russe per Peter a cui sono state fornite informazioni false sin dall’inizio”, ha affermato Radha Stirling di Detained in Dubai e Due Process International, che rappresenta il signor Clark.

“Abbiamo contattato il servizio consolare degli Stati Uniti a Dubai per richiedere la loro assistenza, così come i senatori di Peter e i rappresentanti del Congresso a Las Vegas, Nevada. Il governo degli Stati Uniti deve agire per proteggere i propri cittadini detenuti ingiustamente all’estero, in particolare negli Emirati Arabi Uniti”.

“Abbiamo appena venduto armi per un valore di 23 miliardi di dollari a una nazione che non ha scrupoli sulla criminalità extragiudiziale. Solo la scorsa settimana è stato segnalato che gli Emirati Arabi Uniti hanno violato cittadini statunitensi, incluso me stesso, oppositori legali e critici dei diritti umani. Abbiamo gravi aggressioni contro cittadini statunitensi, rapimenti di cittadini statunitensi e l’attacco di uno yacht battente bandiera degli Stati Uniti in mare. È ora che gli Stati Uniti prendano sul serio questi reati. Abbiamo appena segnalato una serie di reati all’FBI, a seguito di un rapporto investigativo del Daily Beast”.

Il fatto è che il caso di Peter non è raro e gli Stati Uniti devono insistere affinché gli Emirati Arabi Uniti rivedano le proprie leggi e le procedure di arresto per renderlo più sicuro per i cittadini statunitensi. Gli Emirati Arabi Uniti spendono centinaia di milioni in attività di lobbying e marketing negli Stati Uniti per attirare il loro “sfarzoso paradiso turistico“, ma quando arrivano, affrontano detenzioni ingiuste e lunghe, confessioni forzate e persino torture”.

“La volontà degli Emirati Arabi Uniti di violare i trattati, le leggi e gli standard internazionali è stata purtroppo incoraggiata negli ultimi dieci anni. Gravi violazioni delle sanzioni iraniane, rapporti di traffico di esseri umani e contrabbando di armi, sono stati presentati in DC alla Camera e al Senato, nonché al Dipartimento di Stato dell’allora Segretario Hillary Clinton, ma il registro bancario degli Emirati Arabi Uniti e la presenza di lobbismo sono riusciti a sopprimere il reato. Quella soppressione ha dato il via libera agli Emirati Arabi Uniti per agire in modo criminale e sconsiderato con un incoraggiato senso di impunità”.

“Stiamo preparando ulteriori rapporti di tali violazioni che giustificano chiaramente un’azione”.

Peter Clark, si tiene a Dubai da quasi due mesi. Sta lottando. Essere detenuti in un paese straniero in cui avevi programmato di rimanere solo per pochi giorni è scoraggiante ed è costoso. Peter era lì per esaminare le opportunità di investimento. Non conosce nessuno lì ed è bloccato da solo in una stanza d’albergo in attesa del suo destino”.

Questa è un’esperienza estremamente traumatica per chiunque. Non hanno idea di cosa succederà loro, se torneranno in prigione, se la loro vita è rovinata. È anche peggio per chi non ha commesso alcun crimine, come Peter.

Il padre di famiglia Andy Neal è stato detenuto per oltre un anno in prigione, prima di essere scagionato. Non sono esperienze che le persone riescono a superare velocemente”.

Stirling ha aiutato un certo numero di americani ad affrontare la persecuzione a Dubai.

  • Melissa McBurnie è stata falsamente accusata di violazioni della criminalità informatica dal suo stalker egiziano.
  • David Oliver è stato trattenuto per piccoli debiti bancari dopo aver subito un ictus.
  • Najib Khoury e Oussama El Omari sono stati entrambi ingiustamente inseriti nell’Interpol.
  • Hervé Jaubert è stato rapito in acque internazionali e portato negli Emirati Arabi Uniti per essere interrogato.

C’è un modello inquietante“, ha aggiunto Stirling, che ha fondato l’organizzazione nel 2008 e che ha aiutato in più di 15 mila casi di ingiustizia.

Peter Clark, 51 anni, del Nevada, spera di tornare presto a casa:

“Non ho fatto niente di sbagliato. Chi penserebbe mai che potresti essere arrestato per residui di marijuana trovati in un test antidroga, molto prima che tu abbia mai viaggiato? Ciò significa che chiunque abbia consumato hashish negli ultimi due mesi potrebbe essere arrestato. Che senso ha? Tutta questa situazione è stata davvero dura. Avrei dovuto restare qui solo pochi giorni. Non ho idea di cosa succederà, se finirò in prigione un anno come Andy Neal, o se verrò deportato”.

“Più a lungo rimango qui, più storie da incubo vedo. È molto preoccupante. L’Ambasciata non è stata di aiuto e membri del Congresso e senatori non hanno ancora risposto alle mie richieste di aiuto. Non sono sbalordito, ma deluso che il mio Paese lo permetta”.

Chi è “Detained in Dubai” e cosa fa

Detained in Dubai è un’organizzazione fondata nel 2008 da Radha Stirling, un’importante sostenitrice dei diritti umani, responsabile delle crisi e consulente politico, concentrandosi sugli Emirati Arabi Uniti e sul Medio Oriente.

Stirling è una specialista in giustizia penale e civile, testimone esperto, portavoce, fondatore di Due Process International, Detained in Dubai (detenuto a Dubai), IPEX Reform e Gulf Investment Monitor.

Detained in Dubai è un’organizzazione che fa campagne contro gli abusi giudiziari negli Emirati Arabi Uniti e nella regione del Golfo per conto di espatriati e turisti, il suo fondatore e CEO, Radha Stirling, è il principale commentatore internazionale dei sistemi giudiziari nel Golfo, un pioniere sostenitore della riforma dell’Interpol e ricercato analista per i responsabili politici occidentali.

Due Process International è una società registrata nelle Isole Vergini britanniche, con sede legale a Intershore Chambers, Road Town, Tortola, Isole Vergini britanniche.

Potrebbero interessarti anche...