Micronesia: laguna di Chuuk, tradizione e tesori nascosti nel mare

La Micronesia è formata da un insieme di piccole isole che nasce dalla attività vulcanica, si compone di atolli circondati da un mare cristallino e incontaminato....


Micronesia: laguna di Chuuk, tradizione e tesori nascosti sotto il mareLa Micronesia è formata da un insieme di piccole isole che nasce dalla attività vulcanica, si compone di atolli circondati da un mare cristallino e incontaminato. Una delle maggiori attrazioni per coloro che amano lo snorkeling e le immersioni subacquee è la meravigliosa laguna di Chuuk che racchiude le Faichuk Islands e le Nomoneas Islands, la cui l’isola principale e la capitale è Weno. Esternamente troviamo Mortlock Islands, Namonuito Atoll e Hall Islands. Dispone anche di un aeroporto internazionale che fa provare ai turisti la sensazione di atterrare in mezzo al mare a causa dalla pista molto piccola e stretta. All’interno della laguna, oltre a piccoli atolli sabbiosi, veri e propri paradisi naturali con montagne che raggiungono i 400 metri e vegetazione rigogliosa, possiamo trovare, nelle profondità del mare, dei relitti risalenti alla Seconda Guerra mondiale. E’ un vero paradiso per i sub che grazie alle acque cristalline riescono ad ammirare senza problemi i fondali della laguna. Prima di immergersi bisogna fare richiesta alle autorità competenti dell’isola che vi forniranno i dati e i luoghi dove è possibile effettuare le immersioni. Questi relitti, vecchie navi e aerei, sono diventati gli scheletri per coralli che hanno ricoperto questi rottami trasformandoli in “sculture marine“.

  La barriera corallina offre uno spettacolo unico: un’ampia varietà diMicronesia: laguna di Chuuk, tradizione e tesori nascosti sotto il mare coralli e pesci che colorano il mare come le luci di una grande città. La Micronesia è fortemente legata alla tradizione proprio per questo motivo i suoi abitanti vivono ancora di pesca e artigianato soprattutto quelli che risiedono a Chuuk. Ma gli oggetti artigianali che offrono sono particolari  e curiosi, direi quasi unici. Il bastone chuukese dell’amore (chuukese love stick) era usato nel tradizionale rituale di corteggiamento. Gli uomini incidevano il bastone poi durante la notte restavano fuori dalla capanna dell’amata e sfioravano i capelli della ragazza con il bastone per svegliarla senza disturbare la famiglia. Se essa era interessata al corteggiatore, metteva le sue mani sul bastone tirandolo verso l’interno, se ciò non accadeva e respingeva il “love stick” all’esterno voleva dire che la giovane rifiutava l’uomo. La Micronesia e Chuuk ,oltre alle tradizioni sociali, possiedono anche alcuni luoghi di culto e la popolazione locale non vede di buon occhio mini-gonne e pantaloni corti , durante le visite in queste aree sacre. Gli abitanti della Micronesia sono un popolo accogliente e curioso (come dicono molti turisti) sicuramente il rispetto reciproco è la base per la convivenza di ogni popolo. (Foto: @mattk1979 – @NOAA photo Library  flickr.com)

Autore

Potrebbe interessarti...